Spazio pazienti

La Fondazione fatebenefratelli è da anni impegnata nella ricerca su diverse patologie, ancora in attesa di una cura risolutiva e/o che presentano un elevato impatto sulla qualità di vita delle persone, delle famiglie, della collettività.
In questa sezione sono disponibili per la consultazione le schede delle principali patologie oggetto di ricerca della divisione ricerca della Fondazione, in cui, oltre a un chiaro ed esauriente quadro sulle caratteristiche della malattia o del disturbo (sintomi, cause, evoluzione, trattamento), il lettore potrà trovare la descrizione delle principali attività di ricerca portate avanti.

Aritmie cardiache

Il cuore è dotato di un sistema elettrico interno deputato al controllo della frequenza e del ritmo del battito cardiaco.
Ad ogni battito, un segnale elettrico attraversa il cuore determinando la contrazione del muscolo cardiaco.
Ciascun segnale elettrico comincia in un gruppo di cellule denominate nodo senoatriale (SA), situato nell’atrio destro, la cavità superiore destra del cuore.

Depressione Maggiore

La Depressione Maggiore (DM) costituisce la forma più grave di abbattimento patologico del tono dell’umore, o depressione. La depressione è uno dei più comuni disturbi psichiatrici. Si calcola che almeno il 10 % della popolazione adulta generale soffra di uno o più episodi di depressione nel corso della vita. Nelle differenti ricerche epidemiologiche la prevalenza per il disturbo depressivo sarebbe tra il 10 e il 25 % circa nel sesso femminile e tra il 5 e il 12 % nel sesso maschile, con un rapporto di 2 : 1 tra donne e uomini.

Gravidanza extrauterina

Con il termine gravidanza extrauterina (o ectopica) si indica una gravidanza in cui l’impianto dell’embrione si verifica al di fuori dell’utero, dell’endometrio e della cavità uterina. L’impianto avviene a livello della cervice, delle tube, dell’ovaio o della cavità addominale o pelvica. Le più frequenti sono le gravidanze tubariche. Nel 50% dei casi l’impianto tubarico è secondario a una pregressa infezione della tuba stessa mentre le gravidanze cervicali, ovariche e addominali sono rare. Il tasso di mortalità a seguito di una gravidanza ectopica è diminuito ma meno rapidamente di quello della mortalità materna in generale.

Ictus

L’Ictus, in inglese Stroke, è una sindrome caratterizzata dall’insorgenza improvvisa di deficit neurologici determinati da un danno a livello del tessuto cerebrale dovuto a cause circolatorie. Si distinguono due tipi principali di Ictus: ischemico ed emorragico. Il primo è causato da un’occlusione di un’arteria con conseguente interruzione del flusso sanguigno nell’area irrorata dal vaso occluso e successivo danno a livello della zona interessata; il secondo invece è dato dalla rottura dei vasi sanguigni nel cervello con conseguente emorragia cerebrale.

Ipertensione in gravidanza

Si stima che nei paesi industrializzati circa il 10-20% delle gravidanze siano complicate da un problema di ipertensione. Questa malattia rappresenta una delle più importanti cause di mortalità materna e fetale e costituisce un importante fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cardiovascolari a distanza. In realtà, il riscontro di elevati valori pressori può rimanere isolato, correlandosi ad una bassa incidenza di complicanze, o presentarsi in associazione ad altri sintomi che rendono la malattia molto più rischiosa per la madre ed il feto.

Malattia di Alzheimer

La Malattia di Alzheimer (AD, Alzheimer Disease) è una patologia degenerativa a carattere evolutivo che lentamente distrugge la memoria e altre abilità cognitive, fino a portare nelle fasi più avanzate all’assoluta inabilità anche nelle attività più semplici.
L’AD è la causa più comune di demenza tra le persone anziane. Per demenza si intende la compromissione delle funzioni cognitive (pensiero, memoria, ragionamento) a un livello tale da interferire in modo significativo con le attività della vita quotidiana.

Malattia di Parkinson

La Malattia di Parkinson (PD, Parkinson’s Disease) è un disturbo degenerativo del sistema nervoso centrale. E’ stata descritta per la prima volta nel 1817 dal medico inglese James Parkinson in un articolo dedicato alla “paralisi agitante”, di cui individuò i sintomi principali (tremori, rigidità, acinesia o rallentamento motorio). Quarant’anni più tardi il neurologo francese Charcot diede alla condizione clinica individuata da Parkinson il nome, appunto, di “morbo di Parkinson”.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che in Europa circa lo 0,5% della popolazione totale sia affetta dalla malattia (circa 1 milione e 200 mila pazienti).

Sclerosi Multipla

La Sclerosi Multipla (SM) è una malattia del sistema nervoso centrale che porta a una compromissione più o meno grave della comunicazione tra il cervello e varie parti del corpo. Si manifesta in modi diversi da individuo a individuo, con livelli di impatto sulla qualità della vita che variano sensibilmente da condizioni relativamente benigne a serie disabilità che possono avere un effetto significativo sulla vita di chi ne è colpito.

Menu